Per parlare di endometriosi è fondamentale conoscerla. AGENAS continua a sostenere la consapevolezza sulla patologia attraverso il progetto “Percorsi formativi e informativi per la diagnosi e il trattamento dell’endometriosi” coinvolgendo le giovani generazioni e i professionisti socio-sanitari. Un progetto di ampio respiro il cui obiettivo è determinare specifici outcome della in-formazione in termini di cambiamento di comportamenti direttamente praticati. Soprattutto attraverso la corretta in-formazione.

 

Questo il messaggio che oggi, 28 marzo, in occasione della giornata mondiale dell’endometriosi AGENAS ribadisce con forza e coerenza.

 

L’informazione dedicata alle cittadine e ai cittadini, in chiave di prevenzione, ha portato un riconoscimento formidabile in termini di visualizzazioni, condivisioni, engagement ed empowerment. L’endometriosi è una malattia sociale, colpisce una donna su dieci; informare e coinvolgere soprattutto quelle nove donne che magari mai incontreranno la patologia ma che possono essere testimoni consapevoli dell’impatto sociale della malattia: questa la mission di

 

AGENAS. La strategia è una nuova narrazione della patologia. Le parole sono importanti e quelle che ci ha restituito la generazione Z e il target più trasversale raggiunto con la rubrica PUNTI DI VISTA hanno segnato un messaggio chiaro: l’ascolto, il dialogo, il confronto, la corretta informazione sono la più alta forma della cura di sé.

 

La formazione dei professionisti socio-sanitari è l’altro punto cardine del progetto: formarsi per interpretare quel cambiamento culturale che passa dall’aggiornamento dei professionisti alla corretta disseminazione a un pubblico potenziale di interessati. Questa la vision che apre la declinazione di 4 corsi, erogati in modalità FAD, articolata sui temi: 

  • Corso A: prevenzione e diagnosi dell’endometriosi; 
  • Corso B: trattamento dell’endometriosi; 
  • Corso C: supporto psicologico alle donne affette da endometriosi; 
  • Corso D: servizi sanitari dedicati.

Il setting formativo, quale aggiornamento professionale, torna così ad essere un momento di motivata e motivante soddisfazione dei professionisti coinvolti.

Visite: 612

Torna su